La storia di Terry

Terry Fox è un ragazzo qualunque che vive nella provincia canadese. Appassionato di sport e determinato negli studi, a 18 anni vede la sua vita stravolta dalla malattia: un sarcoma osseo lo costringe a subire l’amputazione della gamba destra.
Durante il ricovero in ospedale, mentre vive ogni giorno la sofferenza dei malati di cancro, legge la notizia di un americano che ha corso la Maratona di New York con un arto artificiale. Questa storia gli dà la forza per reagire alla sua malattia e decide di compiere un gesto destinato a sensibilizzare l’opinione pubblica:
attraversare il Canada a piedi con una protesi alla gamba per raccogliere fondi a favore della ricerca contro il cancro, chiedendo un dollaro ad ogni canadese che incontra per strada.
La notizia della sua impresa, che prende il nome di
corsa della speranza, si diffonde presto e ad ogni tappa è sempre più numerosa la folla che lo attende per conoscerlo, incoraggiarlo, rendere onore al suo coraggio.
Dopo aver corso
più di 5000 chilometri, Terry conclude la sua corsa sconfitto dalla malattia: muore a soli 23 anni nel giugno del 1981. Ma Terry Fox continua a vivere e a correre attraverso il suo sogno e la sua impresa: da allora in oltre 50 paesi nel mondo si corre la Terry Fox Run, la corsa della speranza, che ha raccolto fondi per oltre 360 milioni di dollari canadesi, quasi 400 milioni di franchi.
Oggi Terry Fox è un esempio di ottimismo e di coraggio per tutti quei giovani che ogni giorno combattono contro il cancro, un eroe moderno che ha lanciato un
messaggio di speranza per il futuro.

«Credo nei miracoli» Tributo a Terry Fox
(Reader’s Digest Selezione, settembre 2000, Eileen Pettigrew)